logo



ARTISTS EXHIBITIONS NEWS PUBLICATIONS CONTACT


RICHARD LOSKOT, EUROPE, EUROPE - Group show
More


  • Another place, 2014, installation view

(for the english version please scroll down)
 

RICHARD LOSKOT

EUROPE, EUROPE

Group show, a cura di Hans Ulrich Obrist, Thomas Boutoux, Gunnar B. Kvaran, Astrup Fearnley Museet, Oslo 
18 settembre, 2014 - 1 febbraio, 2015

Richard Loskot presenta il suo nuovo lavoro Another place:

"Tutti i fenomeni naturali sono solo l'ombra di forme e di idee eterne. Tuttavia, la maggior parte delle persone é felice della propria vita in mezzo alle immagini ombra. Entriamo ora nel dialogo tra Platone e Timeo: come puó avere origine il mondo delle ombre? Come si manifestano queste idee, sebbene in modo imperfetto, come oggetti nel mondo dei sensi? Deve esistere qualche passaggio intermedio, un terzo principio che pone entrambi i mondi in interazione reciproca, una forza che genera una forma ideale per essere impressa come archetipo. L'installazione Another place consiste in tre oggetti trovati esposti in maniera apparentemente tradizionale, in teche e su piedistalli. L'artista mostra oggetti ordinari come un fiore o una tazza, ma attraverso la loro originale installazione su basamenti illuminati dal basso, confondono l'osservatore e rivelano il loro nuovo significato. La comprensione arriva instintivamente. É sufficiente guardare il riflesso nella teca di vetro, dove non vediamo l'immagine che ci saremmo aspettati. Gli oggetti, visti nel riflesso, appaiono come se provenissero da un altro mondo in cui le nostre leggi fisiche non hanno valore. In questo riflesso, il frammento della tazza reale rivela la sua vera essenza platonica. Il riflesso di un fiore cresce davanti ai nostri occhi. Nel mondo delle idee, tre oggetti solitari disposti uno accanto all'altro – una torcia, un magnete e un pezzo di metallo, di cui ci sfugge la loro vera connessione nella vita reale – formano gli elementi base di un primitivo motore elettrico. E cosí via. Spesso gli oggetti intorno a noi ci appaiono intimamente familiari senza pensare invece che ci troviamo vicini ad una scoperta fondamentale, poi li guardiamo ancora con occhi nuovi ed urliamo EUREKA! Proprio questa é l'esperienza che l'artista spera di offrire attraverso la sua installazione. La tecnica utilizzata per questa rivelazione non é un 'inganno' complicato, ma si fonda sulle caratteristiche fisiche basilari della luce. L'illusione del vetro bianco su cui gli oggetti sono posti é creata da un monitor sottostante la cui pellicola di polarizzazione é stata rimossa. La luce viene perció polarizzata sulle teche di vetro".

Europe, Europe guarda ai linguaggi artistici ma tiene anche conto del contesto socio-culturale, del ruolo delle istituzioni, del discorso critico e del sistema commerciale dell'arte nei paesi in questione. L'Europa è un continente costituito da nazioni diverse e da entità linguistico-culturali differenti. Questo rende la scena artistica europea ancora più divergente rispetto alle altre scene artistiche studiate. A causa di questa complessità la mostra è, di conseguenza, molto ampia. I curatori Hans Ulrich Obrist, Thomas Boutoux and Gunnar B. Kvaran, hanno formato un "modello curatoriale organico" che permette alla mostra di cambiare ed evolvere nel tempo. 

Sono presenti più di 30 giovani artisti sotto i 35 anni di età provenienti da 8 città europee: Berlino, Bruxelles, Parigi, Londra, Zurigo, Praga, Lisbona e Oslo. Europe, Europe è la prima parte di una serie di mostre itineranti più ampie e sempre in evoluzione che gireranno in altre istituzioni d'arte d'Europa.

 

 

(english version)


RICHARD LOSKOT

EUROPE, EUROPE

Group show, curated by Hans Ulrich Obrist, Thomas Boutoux, Gunnar B. Kvaran, Astrup Fearnley Museet, Oslo
September 18, 2014 - February 1, 2015

Richard Loskot presents his new work Another place:

"All natural phenomena are just a shadow of eternal forms or ideas. However, most people are content with their life amidst the shadow images. Let us enter into the dialogue between Plato and Timaeus: How does the world of shadows come into being? How is it that ideas are manifested, though imperfectly, as objects in the world of the senses? There must exist some intermediate stage, a third principle that places both worlds into mutual interaction, a force that causes an ideal shape to be imprinted into archetypes.The installation Another place consists of three found  objects, installed in a seemingly traditional manner in display cases and on pedestals. The artist displays the most ordinary items such as a flower or a cup. But through their inventive installation on plinths lit from below, they confuse the viewer and reveal their new meaning. Understanding comes instinctively. All it takes is to gaze at the reflection in the display case glass, where we do not see the image that we might have expected. The objects, seen in reflection, appear as if they belong to another world where our physical laws do not apply. In its reflection, the fragment of a real cup reveals its true Platonic essence. The reflection of a flower grows in front of our eyes. In the world of ideas, three solitary items displayed next to each other – a flashlight, a magnet and a piece of wire whose real-life connection escapes us – form the basic elements of a primitive electric motor. And so on. We often see intimately familiar objects around us without realizing that we are close to a fundamental discovery. Then we look at them again with fresh eyes and cry out EUREKA! Exactly this experience is what the artist hopes to provide through his installation. The technique used for this revelation is no complicated “trick”, but makes use of the basic physical characteristics of light. The illusion of the white glass on which the objects are placed is created by a monitor underneath it whose polarizing film has been removed. The light is thus polarized on the display case glass".

The exhibition looks at artistic languages, but also take into account the social and cultural context, the role of institutions, the critical discourses and the commercial art system in the countries in question. Europe is a continent consisting of different nations and different linguistic and cultural entities. This makes the European art scene even more diverse than the other studied art scenes. Due to this complexity the exhibition has been correspondingly extensive. The exhibition's curators Hans Ulrich Obrist, Thomas Boutoux and Gunnar B. Kvaran, has formed an "organic curator model" that allows the exhibition to change and evolve over time.

The exhibition at Astrup Fearnley Museet brings together over 30 young artists under the age 35 from eight European cities: Berlin, Brussels, Paris, London, Zurich, Prague, Lisbon and Oslo. The exhibition is the first part of an extensive and evolving exhibition series that will travel on to other European art institutions.


Richard Loskot, Europe, Europe