logo



ARTISTS EXHIBITIONS NEWS PUBLICATIONS CONTACT


DIDO FONTANA | DON'T SAY "DIDO SHOW", SAY BOMBA
More


DIDO FONTANA | DON'T SAY "DIDO SHOW", SAY BOMBA
Trieste - IT

Inaugurazione: sabato 8 dicembre 2018
Opening: Saturday, December 8th, 2018

Ospite esplosivo all'evento "BOMBA", l'ultima mostra-evento dell'anno targata Artrophia. Come per l'evento precedente "Noise | Polaroid oltre il suono", attualmente in mostra a Milano, a partire dal 30 novembre si aprirà il famoso countdown sul sito www.artrophia.com.

Questa volta vi presentiamo il grande fotografo trentino Dido Fontana, classe 1971, che verrà esposto negli spazi della casa-studio del fotografo Massimiliano Muner (Archivio Alinari, collezione WestLicht Vienna) l'8 dicembre.

La mostra presenterà una serie di opere di vario formato. Inevitabile sarà la contaminazione degli spazi: le foto invaderanno la cucina, la camera da letto e le stanze della casa.

Come partecipare? Segui il countdown sul sito www.artrophia.com, una volta attivo il tasto INVITO, troverai tutte le istruzioni. Ad ogni partecipante verrà inviato un kit con la presentazione dell'artista, una chiave e le indicazioni per raggiungere il luogo dell'evento.

L'evento è stato realizzato in collaborazione con Boccanera Gallery e Silver-Age.

Dido Fontana è uno di quei fotografi che non ritoccano le foto "perchè la realtà è di per sè troppo interessante". Dallo stile "antifashion" e "neobarocco", i suoi scatti, come una vera e propria esplosione, una "Bomba", rappresentano situazioni che sembrano non avere uno studio accurato alle spalle ma che, invece, seguono una dinamica ben precisa. È la scintilla iniziale a procrearla, ovvero l'abbandono della coscienziosità in virtù di una vita spogliata dalle imposizioni e di una totale anarchia delle pulsioni. Ne risultano una serie di foto, che seppur sia per definizione un'immagine statica, sembra essere in continuo movimento.
Ogni soggetto e posa sono studiati in maniera meticolosa per peforare i muri dell'Io ed arrivare all'Es freudiano di ogni spettatore, risvegliando desideri nascosti dalla patina della monotonia.