logo



ARTISTS EXHIBITIONS NEWS PUBLICATIONS CONTACT


CRISTIAN AVRAM | IL FAUT CULTIVER NOTRE JARDIN
More


  • Cristian Avram, Untitled, 2020, oil on canvas, 160 x 122 cm

CRISTIAN AVRAM | IL FAUT CULTIVER NOTRE JARDIN 

Artisti in residenza | Artists in residency: Robert Andacs, Cristian Avram, Marius Fodor, Theodora Ispas, Andrei Ispas, Matei Păcurar, Vlad Paraschiv

Artisti | Artists: Zsolt Berszan, Istvan Betuker, Andrei Budescu, Andrei Ciurdărescu, Istvan Cîmpan, Irina Dumitrașcu, Adrian Ghiman, Valentin Ionescu, Ovidiu Leuce, Dan Măciuca, Gabriel Marian, Ioana Popa, Ioan Popdan, Alex Mirutziu, Ioan Aurel Mureșan, Mihai Plătică, Florin Ștefan, Gaspar Szilard, Veres Szabolcs, Mihai Zgondoiu

A cura di | Curated by: Ovidiu Leuce

Centrul de Interes
Strada Fabricii de Chibrituri 9, Cluj-Napoca RO

Inaugurazione: 26 giugno 2020
Opening: June 26th, 2020

26 giugno - 31 agosto 2020 | June 26th - August 31st, 2020

 

Con le dovute precauzioni continuano le attività precedentemente programmate al Centrul de Interes, con una mostra che vuole confermare la sua natura di spazio creativo e di residenza artistica, di nucleo culturale comunitario sul territorio.

La mostra è strutturata attorno all'enigmatica frase conclusiva di "Candide, ou l'Optimisme" di Voltaire (1759). L'eroe del romanzo viaggia "nel migliore dei mondi possibili", ma incontra una serie infinita di disastri, guerre e altre follie umane, finisce per raccomandare la cura del "nostro giardino" come antidoto alle dottrine ideologiche e alle ricette di vita. "È ben detto", risponde Candide, "ma dobbiamo coltivare il nostro giardino".

Il titolo della mostra viene in risposta al tempo reale dalla comunità artistica, Centrul de Interes. Per conservare l'umanità e per non cedere quando la storia scatena forze di vendita distruttive, dobbiamo fare in modo di prenderci cura di loro per permettere la nostra crescita. La ricerca deve essere quotidiana, concreta, perseverante, indispensabile, per coltivare un giardino o per diventare un artista. È di questo che dobbiamo occuparci nel nostro giardino.

"Notre Jardin" si riferisce al mondo in cui viviamo, un mondo di moltitudini che prende forma grazie alla forza creativa umana. Non ci potrà mai essere un giardino dedicato esclusivamente alle esigenze individuali in cui nascondersi. È quel pezzo di terra all'interno di ognuno o connesso con la comunità, dove prendono forma virtù culturali, etiche e civili, salvando la nostra realtà dai suoi istinti più nefasti. Queste virtù sono sempre nostre.

 

EN
Under careful conditions, the development of previously scheduled activities, the Centrul de Interes comes back with an exhibition meant to confirm its nature of production space and artistic residences, of community cultural nucleus, about the respective territory.

The exhibition is structured around the enigmatic concluding phrase from "Candide, ou l'Optimisme" by Voltaire (1759). The hero of the novel travels "in the best of all possible worlds", but encounters or endless series of disasters, wars, and other human madness, he ends up recommending the care of "our garden" as an antidote to ideological doctrines and recipes for life. "It is well said," Candide replied, "but we must cultivate our garden."

The exhibition's title is given in response to the actual time by the artistic community, Centrul de Interes. In order not to preserve humanity and to give in when history triggers destructive sales forces, we must make sure that we should sell them and take care of them to grow in us. The search must be daily, concrete, persevering, indispensable, to cultivate a garden or work with an artist. That's what we should take care of in our garden.

"Notre Jardin" refers to the world that we live in, a world of multitudes that takes shape owing to the human creative power. There can never be a garden dedicated exclusively to individual needs in which to hide. It is that piece of land inside each one or connected with the community, where cultural, etic, and civil virtues take form, saving our reality from it's most nocive instincts. These virtues are always ours.

 

More info